Ritorno a Check-list 
Redazione a cura di Federico Capitani:

Commenti di fine anno alla c-l modenese 2005

(seguono i commenti mese per mese)
Nel mese di dicembre sono state fatte diverse osservazioni interessanti.  Le più significative sono a mio parere quelle dei due diversi SMERGHI MAGGIORI: un maschio ha stazionato nella valle Cristina per almeno 10 giorni dal 17 al 27/12 (e infatti io sono andato a cercarlo giusto il 28…); una femmina è invece stata segnalata nell’oasi Val di Sole di Concordia più o meno negli stessi giorni, il 17 ed il 18/12. Inoltre si è fatto vedere anche uno SMERGO MINORE al bacino di fitodepurazione di Massa Finalese il 15/12.  Ma non c’è stata solo la discesa degli smerghi. Sempre per rimanere in tema di “uccelli che si tuffano” una STROLAGA MINORE è stata vista a più riprese e da diversi osservatori alle Casse del Secchia dall’11 al 18/12. Tornando alla bassa sono state segnalate sia la CICOGNA NERA (2 esemplari a Val di Sole a metà mese) che la CICOGNA BIANCA (fino a 3 esemplari insieme), lo SMERIGLIO e l’AVERLA MAGGIORE. Si è fatto fugacemente osservare il PICCHIO ROSSO MINORE. Prima o poi lo vedrò anche io ma per il momento appartiene alla sfera della mia mitologia ornitologica :-). Speriamo nel 2006!
Considerazioni conclusive anno 2005
Rispetto a quello passato il 2005 è stato un anno più povero di accidentali di portata nazionale e regionale. Per la provincia di Modena ci sono state comunque osservazioni notevoli. Le specie da ricordare in questo senso sono il CIGNO MINORE, 1° per Modena, 3° per l’Emilia Romagna; lo SMERGO MAGGIORE, 5° per Modena; il MARANGONE MINORE, 3° per Modena; il FORAPAGLIE MACCHIETTATO, 4° per Modena. Attenzione: i numeri sono riferiti ad una c.l. del 1992, non aggiornata, e quindi sono solo indicativi. Per quanto riguarda specie molto scarse ma non considerabili come veri e propri accidentali per il nostro territorio non si possono dimenticare GALLINA PRATAIOLA, POIANA CALZATA, CALANDRA solo per citarne alcune. Considerato che siamo anche nel campo della soggettività e che è difficile riassumere un anno di osservazioni emozionanti mi sono limitato a ricordare solo queste anche se altre meriterebbero una citazione.
2004 vs.  2005
Partiamo dai numeri.
In estrema sintesi qualche cifra brutale:               
                              2004          2005    2004/2005

Messaggi utili             240           234          474

Ricchezza totale         235           228          257

Passeriformes             94            93           103

non Passeriformes      141           135          152

nP/P                            1.5          1.45         1.47

N.B. in questi numeri sono comprese le specie in lista E. Il numero di messaggi con dati utili è rimasto sostanzialmente invariato mentre come potete vedere c’è stato un calo deciso a livello di ricchezza totale (-11 specie). Domanda spontanea: non è per caso che ci siamo dimenticati di segnalare specie comuni? La risposta, tutto sommato, è no. E vi spiego perché. Preparando la lista dei due anni mi sono segnato le specie viste solo nel 2004 (35) e quelle viste solo nel 2005 (22). Scorrendo l’elenco, fatta eccezione per alcune specie comuni che ci siamo persi per strada, mi sono reso conto che per la stragrande maggioranza si tratta di uccelli più o meno rari. Non si può pensare di vedere tutti gli anni la Cannaiola di Blyth, il Capovaccaio e il Cigno minore. La mia conclusione è quindi che indicativamente la nostra c.l. è attendibile e che i “buchi” si spiegano per lo più con la inevitabile accidentalità di certe specie. In sintesi, sono poche le specie comuni segnalate in un anno ma non nell’altro mentre le rarità si sono avvicendate nei due anni come è naturale che sia.

I commenti mese per mese:

Gennaio

Nel mese di gennaio abbiamo totalizzato 85 specie. Tra queste ce ne sono quattro mai segnalate su mo_bw nell’anno passato:

-  MARANGONE MINORE Phalacrocorax pygmaeus 27/1 – 2 es. – Camposanto, località Bosco – A. Gelati
-  FENICOTTERO ROSA Phoenicopterus roseus recuperato lievemente ferito nei pressi di Monzone di Pavullo e quasi certamente aufugo
http://www.provincia.modena.it/eventi/comsta/comsta05/0050.htm
-  GABBIANO DEL CASPIO Larus cachinnans  – 21/1 – 1 es. 1° w – Bassa modenese – C. Giannella et al.; 31/1 – 4 es. – Discarica di Mirandola – M. Passarella, G. Rossi
e soprattutto…
-  GUFO REALE Bubo bubo – 25-26/1 – 1 es. – Soliera – L. Marcazzan, R. Baroni, M. Marangoni 
Mese un po’ pazzo considerato che il Fenicottero è stato visto in montagna mentre il Gufo reale in pianura. D'altronde, beati loro, volano.

Interessante (ma non è certo una novità) quello che salta fuori facendo birdwatching in luoghi come le discariche. In Appennino a Fontanamlera il Corvo Imperiale si conferma come specie regolare (fino a 21 esemplari insieme). In più proprio lì, dopo le segnalazioni alle Casse del Secchia, si sono fatte vedere anche alcune Passere oltremontane (M. Ferri).
Planando più in basso la discarica di Mirandola ha regalato ben 6 specie di gabbiani (M. Passarella, G. Rossi) e considerato il crescente interesse per questa famiglia (vedere il nuovo “Gulls” per illuminarsi di immenso) potrebbe diventare, se già non lo è, un posto da seguire con più assiduità per l’osservazione dei laridi. Peraltro anche Modena è dotata di una grossa discarica...

Altro spunto di riflessione: lo Smeriglio. In una mail veniva riportata l’impressione che questo anno fosse più abbondante. Ebbene, volendo considerare solo le segnalazioni in lista, parrebbe proprio di sì visto che è stato osservato almeno 5 volte solo in gennaio. O siamo diventati più diligenti e segnaliamo di più oppure è davvero un anno “buono”. Forse ambedue le cose.

Febbraio

Febbraio, come inevitabile, è stato un mese di transizione.
Oltre a diverse specie tipicamente invernali quali l’Averla maggiore, lo Smeriglio, le Oche lombardelle e vari Gabbiani verso la fine del mese si sono fatte vedere anche altre specie, annuncio della primavera imminente. Mi riferisco in particolare alla Marzaiola, al Cavalier d’Italia e soprattutto alle Rondini. Le prime 5 sono state viste il 28 febbraio a Massa Finalese in discreto anticipo rispetto all’anno passato: nel 2004 le prima era stata osservata il 9 marzo alla Partecipanza.

Curiosità e notizie varie:

Alcuni volenterosi, tra cui Mauro Ferri, stanno provvedendo all’istallazione di almeno 3-4 nuovi nidi artificiali per Cicogna. A questo proposito vedere la nuova copertina di mo_bw per credere.
Se funzioneranno presto saremo invasi e sembrerà di stare in qualche zona della Spagna o del Portogallo e non dalle parti di Mirandola : -)))

Alla Tomina il 26/02, oltre a un bel Lanario a caccia di limicoli, è stata vista una femmina di Aythya sp. probabilmente ibrido tra A. marila e A. fuligula. Interessante.

Domenica 27/02 è stato sentito un Rigogolo in canto dalle parti di Castelfranco Emilia: arrivo precoce o burla di un uccello imitatore ??

Infine credo sia cosa buona ricordare le osservazioni riportate sulla lista di due specie di oche molto rare, anche se si tratta di uccelli visti fuori dalla provincia di Modena:
le 2 Oche di Ross di Crevalcore del 28/01 (se non sbaglio A1 per l’Italia se accettate) che hanno emozionato gli amici bolognesi http://it.geocities.com/faustalui/foto/foto.htm ; le 5 Oche Collorosso di Campotto imbrancate a Oche selvatiche e lombardelle, rimaste in zona fino a pochi giorni fa http://www.extracon.org/brantaruficollis .

Marzo

Se febbraio è stato un mese di transizione, ancora di più marzo con un incremento dell’attività migratoria e un conseguente aumento del numero dei messaggi arrivati in lista. Bravi!

Si è passati dalla neve a giornate con temperature anche al di sopra dei 20° C e oltre alle presenze invernali quali QUATTROCCHI, SMERGO MINORE, SMERIGLIO e AVERLA MAGGIORE sono continuati i nuovi arrivi. Insieme alla RONDINE, che si era già fatta vedere a fine febbraio, sono arrivati anche BALESTRUCCIO e TOPINO, così come le prime CUTRETTOLE, i RONDONI (ancora pochissimi) e la STERNA COMUNE, solo per citarne alcuni.

Altre specie che a mio avviso meritano di essere ricordate sono l’AQUILA MINORE in fase rossiccia della Tomina, il PICCHIO ROSSO MINORE a S.Prospero e il maschio di MERLO DAL COLLARE visto alle Casse del Secchia a fine mese.

E’ inoltre ripresa l’avventura riproduttiva della CICOGNA BIANCA nella bassa dove, ricordo, sono state collocate 6 piattaforme per la nidificazione. Di queste pare che finora sia stato occupato “solo” il vecchio nido presso La Luia. La cova è iniziata e il maschio è sicuramente quello dell’anno scorso.

Altro argomento interessante è il FALCO PELLEGRINO a Modena. Una coppia continua a farsi vedere sulla Ghirlandina. E’ inevitabile chiedersi se nidifichino da qualche parte in città. Credo sia plausibile considerato che è già qualche anno che sono presenti più o meno stabilmente. Bisognerebbe, se qualcuno non lo sta già facendo, fare attenzione alle zone con edifici alti e adatti ad ospitare l’eventuale nido… A questo proposito potete andare a visitare il sito con la webcam sul nido di Pellegrino della zona fieristica di Bologna http://www.provincia.bologna.it/polizia/webcam/  
Interessante perché se a Modena nidificano è probabile che siano sincronizzati con la coppia di Bologna, considerato che ambiente e clima sono più o meno gli stessi. Tra l’altro ho appena dato una occhiata e mi sembra proprio che almeno un uovo dei quattro presenti si sia schiuso!

IMPORTANTE: visto che ormai siamo ad aprile ed i tempi sono maturi, ricordo pure io che anche questo anno è in corso il progetto Atlante dei nidificanti di Modena e Reggio.
Sulla pagina: http://it.geocities.com/faustalui/atl/p_a.htm
gli ultimi aggiornamenti sulla situazione. In particolare qui si trovano l’elenco dei rilevatori, una cartina col numero delle specie finora rilevate per quadrante e il manuale di istruzione per i rilevatori. Leggete e partecipate!

Aprile

Da sottolineare che abbiamo fatto un balzo di 37 specie nuove! Niente male come zampata: da 135 siamo arrivati a 172 (oltre a 2 ibridi), più o meno in linea con i numeri dell’anno scorso.

Maggio

Le tante specie nuove segnalate anche nel mese di Maggio, salvo errori o dimenticanze, ci permettono di arrivare a quota 190 quasi come i nostri cugini parmensi (attenti ragazzi: avete il nostro fiato sul collo ;-).

Forse la notizia più interessante per questo mese è stata quella del secondo nido di CICOGNA BIANCA della provincia di Modena. La nuova coppia ha occupato una piattaforma artificiale montata più di 10 anni fa presso Novi da, neanche a dirlo, Mauro Ferri. Alla fine si sono convinte e hanno iniziato la cova, probabilmente verso la fine di Aprile. Per le Cicogne emiliane pare continuare il trend positivo degli ultimi anni considerato che ormai i nidi attivi sono sempre più numerosi. A questo proposito vedere l’album fotografico on-line preparato da Menotti Passarella http://www.extracon.org/cicogne2005?page=4 con varie foto di buona parte dei nidi emiliani (e non solo).

Sempre rimanendo in tema di nidi artificiali anche quelli di GHEPPIO, messi pure loro dalle parti di Novi, sono stati occupati come già capitato negli anni passati. La novità da quel che ho capito è piuttosto l’alta percentuale di occupazione, davvero entusiasmante (leggi le ultime mail di Mauro Ferri) ! Sarebbe interessante riuscire a piazzare qualche nido anche in città come Modena dove il Gheppio , da quel che so, non nidifica ed è presenza per lo più invernale. Per rimanere in tema vale la pena di visitare il sito dell’Enel con webcam su 3 nidi di Gheppio installati su tralicci: http://www.enelbirdcam.com/

Altre notizie interessanti:
il SALTIMPALO SIBERIANO ssp. maura visto a Novi (pare proprio che convenga fare BW da quelle parti!!) e la CALANDRA (nidificante?) a Mirandola http://it.geocities.com/faustalui/foto/foto.htm

Per il resto oltre alle prime nidificazioni, sono continuati gli arrivi ed i passaggi delle specie migratrici. In particolare si sono fatte vedere il FALCO CUCULO, il GRILLAIO (forse coppia nidificante dalla parti della Tomina)
http://it.geocities.com/faustalui/foto/foto.htm , la PERNICE DI MARE, i tre MIGNATTINI, le AVERLE CENERINA e CAPIROSSA, il BECCAFICO solo per citarne alcune.

 

Giugno

Il mese di giugno è stato molto tranquillo e infatti – colpo di scena - sono riuscito a inviare gli aggiornamenti in grande anticipo rispetto al mio solito.

Tra uccelli che ancora nidificano e altri che hanno già iniziato il percorso di ritorno verso i luoghi di svernamento si sono aggiunte alcune nuove specie non certamente rare ma neanche così facili da osservare quali ad esempio il Succiacapre, la Cincia dal ciuffo, lo Zigolo giallo ed il Rampichino. Sono state tutte viste in Appennino mentre nella bassa non è stato segnalato niente di particolare.

Arriviamo così agli immancabili aggiornamenti sulla zona di Novi. La nidificazione delle Cicogne bianche prosegue: le uova si sono schiuse tra il 6 ed il 9 giugno e i pulli dovrebbero essere 3! Sempre da quelle parti anche per il Gheppio le cose stanno andando molto bene. Su 12 cassette nido installate in Via Fossetta Cappello almeno 9 (ma forse 10) sono state occupate e M. Ferri ha stimato in almeno 38 i pulli presenti. Niente male!

Infine una curiosità. Ai primi di Giugno è stata recuperato un giovane di Sula nelle campagne del bolognese. Anche se è una notizia che non è passata su mo_bw e non riguarda la nostra provincia la riporto ugualmente come stimolo a tenere gli occhi aperti e a non dare mai niente per scontato!

 

Luglio

A La Tomina è iniziato il passo di ritorno di alcuni limicoli come il GAMBECCHIO NANO e il BECCACCINO. Sempre lì sono state segnalati almeno 4 diversi esemplari di CICOGNA NERA visti tra il 17/7 e il 31/7. Inoltre il 31/7 si è fatto vedere un ibrido di Egretta garzetta x Egretta gularis probabilmente lo stesso segnalato durante i censimenti del 17/7. Tra gli aufughi ALZAVOLA DELLE ANDE (Anas flavirostris) il 17/7.

Spostandoci più a sud verso l’alta pianura e la prima collina certamente da riportare la segnalazione  di almeno 2 OCCHIONI sul greto del Secchia presso Magreta il 27/7 e la POIANA CALZATA (in abito da juv.) che volteggiava insieme ad una Poiana sopra Castelvetro il 30/7.

 

Agosto

Mese vacanziero con pochi messaggi. Notevole la concentrazione di SPATOLE a La Tomina (fino a 31 esemplari la maggior parte dei quali giovani) mentre alla stazione di inanellamento della Partecipanza di Nonantola il 27/8 è stato catturato un CANAPINO MAGGIORE. Del resto niente di più.

 

Settembre

Si inizia il 4/9 con un CACATUA GOFFINI: era imbrancato con alcune Taccole al Parco della Resistenza e si è messo a mangiare ghiande nel parco di una villa lì vicino http://it.geocities.com/modenabw/foto/foto.htm . Quasi certamente è lo stesso già segnalato in zona lo scorso anno. Dalle parti de La Tomina il 10/9 è stato osservato un LANARIO juv mentre il 15/9 è arrivato il primo PETTIROSSO di pianura. Inoltre il 16/9 si è fatto vedere un CROCCOLONE.

Altre osservazioni interessanti sono state la STERNA MAGGIORE con anello vista a Manzolino il 10/9; le 2 CICOGNE BIANCHE che hanno sostato sul ripetitore di Via Bolzano a Modena poco prima della metà di settembre; il CODIROSSONE juv in migrazione nelle campagne tra Magreta e Cittanova.
Finale di mese col botto ornitologico: una GALLINA PRATAIOLA juv o femmina è stata osservata nelle Valli di Mortizzuolo il 29/9.

Riassumendo: fino a settembre incluso la nostra check list interna è arrivata a 211 specie alle quali ne vanno sommate 2 appartenenti alla Lista E secondo la check list del CISO
http://www.ciso-coi.org/COImateriale/ListaCISO-COI.pdf
http://www.ciso-coi.org/COImateriale/Presentazione%20Lista%20CISO-COI.pdf.

 

Ottobre

Le specie segnalate, in 200 messaggi considerati utili, sono state complessivamente 216 oltre 3 specie in Lista E e 3 ibridi. Riporto sinteticamente alcune delle osservazioni più interessanti per il mese di Ottobre:

AQUILA MINORE: un esemplare in fase chiara è stato osservato e fotografato presso la Partecipanza di Nonantola il 16/10          http://it.geocities.com/modenabw/foto/foto.htm.

FENICOTTERO: 2 esemplari visti in volo in direzione nord tra Carpi e Mantova sempre il 16/10, riportato dalla lista Po Delta Birds.

Inoltre
ANATRA ARBORICOLA AUSTRALIANA il cui nome scientifico sarebbe Chenonetta jubata: una femmina, osservata l’1/10 durante il Birdwatching Day a Manzolino:       http://it.geocities.com/modenabw/foto/foto.htm
Questa specie non risulta presente nella check list del CISO:
http://www.ciso-coi.org/COImateriale/ListaCISO-COI.pdf
e quindi nella nostra c.l. è stata messa in coda ma dovrebbe essere inserita nella Lista E in quanto specie aufuga non nidificante:
http://www.ciso-coi.org/COImateriale/Presentazione%20Lista%20CISO-COI.pdf.

Per il resto continuano ad aggiungersi specie invernali – è arrivata la prima AVERLA MAGGIORE, in Partecipanza il 26/10 – mentre c’è ancora qualche coda migratoria.
A questo proposito lancio la sfida: le ultime RONDINI segnalate sono state viste alla Tomina il 23/10 più o meno come nel 2004. Che dite, possiamo migliorarci?
Occhi aperti e riportate eventuali altre osservazioni!

Novembre

Le specie segnalate, in 216 messaggi considerati utili, sono state complessivamente 218 oltre 3 specie in Lista E e 3 ibridi.

La superstar del mese di novembre è stata certamente il CIGNO MINORE che ha sostato a La Tomina dal 20 al 27 e che ha attratto appassionati dalla Lombardia, dal Veneto, dall’Alto Adige etc. L’osservazione è molto interessante considerato che è la terza per la nostra regione e la prima per la provincia di Modena. Più precisamente era stato visto nel 1953 tra le province di Ravenna e Forlì-Cesena e nel 1978 in provincia di Ferrara ! - vedi la Check List dell’Emilia-Romagna di L. Bagni et al. su Picus 56, 2003: 85-107 -
Il nostro cigno modenese è quindi il meno costiero dei tre ma forse anche lui sentiva nostalgia del mare: un Cigno minore è stato segnalato e fotografato pochi giorni dopo, l’8/12, in Valle Bertuzzi (FE). Considerata la scarsità della specie l’ipotesi (forse non verificabile…) che sia lo stesso esemplare credo sia molto vicina alla realtà.

Alcune fotografie su
http://it.geocities.com/modenabw/foto/foto.htm
http://www.ebnitalia.it/ in “Latest rarities photos” e qualche approfondimento su
http://birdingitalynet.blog.tiscali.it/gw2295688/

Altre segnalazioni interessanti, tutte a La Tomina, sono state in ordine cronologico:
1 CROCCOLONE l’1/11,
1 CIUFFOLOTTO il 13/11
2 IBIS SACRI il 19/11,
3 CICOGNE BIANCHE e 2 ORGANETTI il 27/11